Smaltimento toner e cartucce

Cosa deve fare per rispettare la legge colui che vuole smaltire toner e consumabili da stampa? Ci si deve rivolgere a qualcuno in particolare, come un’impresa specifica? Quando i prodotti esausti, come toner e cartucce, diventano rifiuti speciali, quindi non più rifiuti ordinari bisogna attenersi a specifiche gestioni del rifiuto, nel totale rispetto dell’ambiente.

Come si smaltiscono toner e consumabili da stampa: la normativa

smaltimento toner cartucceIl Decreto Legislativo n. 152/2006 è la legge che definisce come devono essere smaltiti, gestiti e classificati i rifiuti. Chi possiede una partita iva oppure le imprese sono direttamente responsabili di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti.

Per eliminare i consumabili, ogni tipologia è differente in base al materiale considerato nel caso specifico. Il rifiuto speciale che si ottiene può essere non pericoloso o pericoloso, in base al tipo di materie utilizzate. Alcune polveri utilizzate da cartucce e toner sono nocive per l’uomo e, di conseguenza, il rifiuto diventa pericoloso.

Come si smaltiscono consumabili?

Innanzitutto bisogna capite se il materiale con la quale si ha a che fare è pericoloso oppure no. Si deve esaminare il codice CER (catalogo europeo dei rifiuti) per vedere quali materiali pericolosi sono presenti.

Rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi

Lo smaltimento di prodotti per la stampa non pericolosi, come toner e cartucce terminate andranno inserite in un ecobox, che sarà fornito dalla nostra azienda. Questo contenitore deve essere svuotato obbligatoriamente entro 12 mesi dalla volta precedente, attraverso l’aiuto di un azienda che smaltisce questi rifiuti speciali.

I consumabili da stampa pericolosi invece, seguono un iter più lungo ed estremamente più sicuro; l’azienda dovrà allestire un deposito ad accesso riservato, dove accumulare i rifiuti che vengono prodotti. È fondamentale avere un registro dove viene annotato il carico e scarico degli scarti, l’iscrizione al sistema di controllo della tracciabilità dei vari rifiuti e il mezzo che viene utilizzato deve essere autorizzato a trasportare rifiuti speciali. Sarà proprio quest’ultimo a dover redarre un formulario per identificare il rifiuto. L’azienda che genera i rifiuti dovrà poi compilare il modello unico di dichiarazione ambientale.

La giusta soluzione per i rifiuti da ufficio

Come si smaltiscono le cartucce? È molto complesso smaltire consumabili da stampa, visto e considerato che le sanzioni economiche sono molto salate per chi non rispetta la legge, quindi è bene contattare un’azienda affidabile e specializzata.

Smaltire i rifiuti a Livorno tramite una impresa che offre un servizio completo, come recupero, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali che si producono in ufficio è la soluzione più sicura per evitare il rischio di incombere in sanzioni. Scegliendo attentamente la giusta società si potrà risparmiare sui costi per lo smaltimento, in modo tale da liberare il cliente da tutte le responsabilità.

Nella classificazione dei rifiuti pericolosi sono presenti anche tutti i rifiuti che contengono sostanze chimiche estremamente pericolose. In questo caso vengono chiamati RUP, rifiuti urbani pericolosi. I rifiuti speciali pericolosi però non vengono prodotti solamente dalle industrie, ma anche in tanti altri mestieri e lavorazioni.